UK vieta la vendita di Crypto Derivati agli investitori al dettaglio, dice di muoversi per risparmiare 69 milioni di dollari di perdite

0 Comments

La Financial Conduct Authority (FCA) del Regno Unito ha vietato la vendita di prodotti derivati di cripto-valuta agli investitori al dettaglio con una mossa che, a suo dire, farà risparmiare ai clienti target 53 milioni di sterline (68,9 milioni di dollari) in perdite ogni anno. Il divieto entra in vigore il 6 gennaio 2021.

In una dichiarazione del 6 ottobre, l’autorità

In una dichiarazione del 6 ottobre, l’autorità di regolamentazione ha dichiarato che la vendita, la commercializzazione e la distribuzione di qualsiasi derivato, compresi i contratti per differenza, opzioni, futures e exchange-traded notes (ETN) da parte di qualsiasi società locale o straniera che opera nel Regno Unito è vietata.

L’Autorità ha dichiarato che i derivati basati su beni digitali come il bitcoin (BTC) o l’ethereum (ETH) sono „inadatti per i consumatori al dettaglio a causa del danno che rappresentano“. La FCA ha delineato una serie di rischi che ritiene derivino da tali prodotti. Essi includono la mancanza di una „base di valutazione affidabile“ per l’attività sottostante, la manipolazione del mercato e la volatilità „estrema“ dei prezzi.

Ha affermato che i clienti al dettaglio non hanno una „legittima necessità di investimento in questi prodotti“ e che non comprendono appieno la negoziazione di derivati. Il divieto, proposto per la prima volta nel luglio 2019, non riguarda la negoziazione di valute virtuali come il Bitcoin Code, che non sono regolamentate dalla FCA.

Gli investitori al dettaglio che attualmente detengono tali derivati crittografici potranno mantenerli per tutto il tempo che vorranno, ha riferito Bloomberg. Sheldon Mills, direttore esecutivo ad interim di strategia e concorrenza della FCA, ha commentato:

La significativa volatilità dei prezzi, unita alle difficoltà intrinseche di valutare i criptoasset in modo affidabile, pone i consumatori al dettaglio ad un alto rischio di subire perdite derivanti dal trading di cripto derivati. Abbiamo le prove che questo accade su una scala significativa. Il divieto fornisce un adeguato livello di protezione.

Le azioni delle società che offrono i derivati vietati

Le azioni delle società che offrono i derivati vietati sono diminuite nel trading di Londra martedì. CMC Markets plc è scesa del 2,8% al momento della stesura della presente relazione. Plus500 è scesa del 2,1% e IG Group Holdings plc è scivolata del 3,3%.

Un dirigente di Coinshares, una borsa valori con sede nel Regno Unito che offre una varietà di derivati crittografici, ha criticato la FCA dicendo che il divieto „non porterà ai risparmi e ai benefici proposti… ma semplicemente spingerà gli investitori al dettaglio del Regno Unito verso le borse di crittografia non regolamentate“.

„Vediamo il divieto della FCA come un’ulteriore prova del fatto che il Regno Unito sta voltando le spalle all’innovazione nelle attività digitali e al coordinamento normativo con altre giurisdizioni“, ha detto l’esecutivo via email a news.Bitcoin.com.

„Troviamo difficile vedere come il Regno Unito possa essere visto come un paese che accoglie l’innovazione dei beni digitali quando è l’unica giurisdizione occidentale a vietarli sulla base di un’errata convinzione che essi non abbiano ’nessun valore intrinseco'“.